aborto-spontaneo

Per aborto spontaneo si intende l’interruzione della gravidanza prima della 25a settimana.

Aborto spontaneo: informazioni

  • Generalmente l'aborto spontaneo si manifesta con dolori, perdite di sangue e con l’espulsione del prodotto del concepimento. Altre volte invece la gravidanza si interrompe senza che tutto questo accada.
  • L’aborto spontaneo è un evento molto frequente, verificandosi in circa il 10 – 20% delle gravidanze, specialmente nei primi tre mesi.
  • La maggior parte degli aborti spontanei non ha una causa specifica e generalmente il feto ha anomalie incompatibili con la vita.
  • L’aborto spontaneo non è causato da nulla che Lei o il suo partner potete aver fatto e perciò non bisogna sentirsi colpevoli.
  • Molto spesso dopo un aborto spontaneo è necessario eseguire un raschiamento (chiamato anche isterosuzione o revisione cavitaria), per evitare che residui della gravidanza rimasti dentro l’utero possano provocare infezioni o sanguinamenti. Tutto quello che viene estratto dall’utero verrà inviato per essere studiato al microscopio (esame istologico).
  • Le donne con gruppo sanguigno Rh Negativo dovranno eseguire una iniezione intramuscolare (immunoprofilassi anti – D) per evitare danni al feto nelle gravidanze successive.

Gravidanze dopo l'aborto spontaneo

Se sta pensando a future gravidanze è importante tenere presente che:

  • Anche se ha avuto 1 o 2 aborti Lei ha elevate possibilità di avere una gravidanza normale e un bambino normale.
  • A meno che Lei abbia avuto 3 aborti consecutivi, non è necessario eseguire accertamenti specifici prima di avere altre gravidanze.
  • Se lo desidera, può avere una gravidanza subito dopo il prossimo ciclo mestruale.

Se queste risposte non sono state sufficienti per chiarirLe i dubbi siamo disponibili per ulteriori informazioni